None, Torino, il design d’autore ha trovato casa.

Per tutti gli appassionati del design industriale?

Basta fare un viaggetto a Torino, ed andare a scoprire così la storia.

La storia degli oggetti entrati nel culto del vivere quotidiano. Opere che hanno rivoluzionato lo stile di vita dall’inizio del Novecento ad oggi.

Consapevoli di voler fare un’escursione nei colori e nelle tendenze che hanno caratterizzato i cambiamenti dei gusti e soprattutto le trasformazioni che ne hanno portato.

Nasce così, con l’obiettivo di promuovere questa cultura del disegno industriale, il Museo del Design di None, alle porte di Torino, punto di riferimento di ormai moltissimi appassionati e collezionisti.

Gli oggetti, manco a dirlo, sono icone del design:

La sedia Superleggera di Giò Ponti, Cassina, 1957

cassina_699_superleggera_gio_ponti_66_b

La lampada Taccia dei fratelli Achille e Piergiacomo Castiglioni, Flos, 1952

TACCIA-FLOS-96270-relc30787e3

Mezzadro di Achille e Piergiacomo Castiglioni, Zanotta, 1957. Sgabello cult ispirato a un sedile del trattore.

zanotta-mezzadro-3

Sedia Follia, Giuseppe Terragni, Zanotta, 1934

100-6G-b

TV Algol11 Zanuso&Sapper, Brionvega,1964

1a8be874f3e7dcb581313a8dfa5cf0ae

 

Calcolatrice Divisumma 18, Bellini, Olivetti,1972
D18-1400-External-IMG_6102-5
 Telefono Grillo, Zanuso&Sapper, Siemens,1965
telefono
Radio TS502, Sapper&Zanuso, Brionvega,1964
radio
Sella Achille e Piergiacomo Castiglion, Zanotta,1957

e1813cb9814c963750347aab55a85e1f

Macchina da scrivere Valentine, Sottsass, Olivetti ,1969

$_1

Sedia 4867 Universale, Joe Colombo, Kartell,1967

kartell_big_1

Macchina da scrivere Lettera22 N, Mizzoli, Olivetti,1950

lettera-22-smMoka 9090, Sapper, Alessi,1979

9c33eb851187ae4cd75ecafddca3e8c3

Oggetti che appartengono al nostro vivere quotidiano, vale dunque la pena andare a percepire la materia e la genialità di questi grandi maestri.
Sacs.
Nessun commento

Inserisci un commento

quattro × 5 =